Sally Mann: la poesia della transitorietà nell’adolescenza

Sally Mann è una fotografa statunitense la cui opera è caratterizzata da un’intima introspezione sull’adolescenza, la famiglia e la morte. Nata nel 1951 in Virginia, Mann ha avuto un ruolo significativo nel mondo della fotografia, diventando famosa per il suo stile unico e provocatorio che spesso mette in scena i propri figli in scene di vita quotidiana.

La serie più nota di Mann, “Immediate Family” (1984-1991), ha sconvolto il panorama fotografico. Le immagini di “Immediate Family” ritraggono i suoi tre figli – Emmett, Jessie e Virginia – durante la loro infanzia e adolescenza. Spesso nudi o semi-vestiti, i figli di Mann sono rappresentati in una varietà di contesti, dal gioco innocente fino a scene di apparente pericolo o malattia.

Un esempio è “Candy Cigarette” (1989), in cui Jessie, allora nove anni, è ritratta con un’enigmatica espressione da adulto mentre tiene una sigaretta di caramella come fosse un vero sigaro. In lontananza, il fratello Emmett cammina su una trave sospesa, una scena che suggerisce una potenziale caduta. La fotografia cattura con maestria la tensione dell’infanzia e l’ansia della genitorialità, con Jessie che si avvicina al mondo degli adulti e Emmett in una posizione di pericolo.

L’opera di Mann ha spesso sollevato polemiche a causa della nudità dei bambini raffigurati. Tuttavia, la nudità in queste immagini non è sessualizzata, ma piuttosto rappresenta l’innocenza, la libertà e la vulnerabilità dell’infanzia. Mann stessa ha dichiarato che le sue immagini sono intese come “rappresentazioni naturali dell’infanzia”.

Le fotografie di Mann sono notevoli per la loro composizione e la loro atmosfera. Utilizza una tecnica del XIX secolo chiamata collodio umido, che dà alle sue immagini una qualità eterea e onirica. Questa tecnica, unita alla sua abilità nel catturare momenti intimi e personali, dà alle sue fotografie un forte impatto emotivo.

Nel 2005, Mann ha pubblicato “What Remains”, una serie che esplora temi di morte e decadenza. Anche in queste immagini, Mann continua a riflettere sulla transitorietà della vita, un tema che si può ritrovare sin dalle sue prime opere sull’adolescenza.

In definitiva, l’opera di Sally Mann ci invita a riflettere sulla fragilità e sulla bellezza dell’adolescenza, su come questo periodo transitorio incarna una tensione tra l’innocenza dell’infanzia e la complessità dell’età adulta. Le sue fotografie catturano l’essenza di questi momenti fugaci con una sensibilità e una profondità che restano indelebili nel tempo.

© Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;