Aneddoto Artistico: Il “Salvator Mundi” di Bernini e una Lezione Imprevista

Un Racconto Personale di Arte, Inganno e Sorprese nella Basilica di San Sebastiano
Busto del Salvatore di Gian Lorenzo Bernini in San Sebastiano fuori le mura
Busto del Salvatore di Gian Lorenzo Bernini in San Sebastiano fuori le mura

Il mio aneddoto, che spero vi strapperà un sorriso, prende spunto dal busto “Salvator Mundi” di Gian Lorenzo Bernini, situato nella basilica di San Sebastiano fuori le mura a Roma. Questa scultura, una delle ultime opere del maestro barocco, incarna la summa dell’arte berniniana, un’opera di straordinaria bellezza e profondità.

Diversi anni fa, mi trovavo in attesa di esplorare le catacombe di San Sebastiano, assieme a mia sorella, nella basilica. Qui, mentre una guida accompagnava un gruppo di visitatori davanti al “Salvator Mundi”, chiedeva loro di indovinare l’autore dell’opera. Nessuno sembrava conoscere la risposta, quindi la guida, con evidente orgoglio, svelava che si trattava di un’opera di Bernini.

Basilica Maggiore di San Sebastiano Fuori dalle Mura - Roma
Basilica Maggiore di San Sebastiano Fuori dalle Mura - Roma

Dopo questo breve intermezzo, iniziò la nostra visita guidata. Era un tour intimo, solo io e mia sorella, che ci permise di ricevere spiegazioni dettagliate e di soffermarci ampiamente nelle catacombe. Una volta tornati alla basilica, la guida ci condusse davanti al famoso busto di Bernini e, ripetendo lo stesso rituale, ci chiese se riconoscevamo l’autore.

Con un pizzico di malizia, ricordando la lezione ascoltata in precedenza, mi gonfiai d’importanza e affermai che doveva trattarsi di un’opera matura del grande Bernini. La guida, sorpresa e ammirata, mi chiese se fossi un esperto d’arte. Stavo per confermare con orgoglio la mia presunta competenza artistica, quando mia sorella, con un tono scherzoso e irriverente, rivelò che avevo sentito la risposta dalla stessa guida poco prima.

L’ammirazione della guida per la mia conoscenza artistica si dissolse immediatamente, così come il mio orgoglio. In quel momento, mi sentii un po’ come una mongolfiera che perde aria – un’esperienza umiliante, ma anche divertente, che dimostra come le sorelle possano essere le migliori alleate nell’arte del disincanto!

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;