I diritti non obbligano: libertà e autonomia individuale nella società contemporanea

Nell’età moderna, l’ascesa dei diritti civili ha delineato una mappa di libertà individuali sempre più articolata e sofisticata. Tuttavia, tra la moltitudine di voci che popolano il dibattito pubblico, vi è un equivoco persistente e profondamente radicato: la convinzione che l’affermazione di un diritto si traduca in un obbligo morale o sociale. È tempo di chiarire: i diritti non obbligano.

Prendiamo, ad esempio, il diritto al divorzio. Introdotto come strumento di liberazione dalle catene di un matrimonio infelice o pericoloso, non ha mai sancito un dovere di porre fine al vincolo matrimoniale. La sua essenza non è stata quella di decretare la fine della sacralità o dell’importanza del matrimonio, ma piuttosto di offrire una via di uscita a coloro che ne sentono la necessità. Eppure, molti vedono in questo diritto una minaccia per l’istituto matrimoniale, come se concedere una scelta equivalesse a imporla.

Nella stessa ottica, il riconoscimento del matrimonio tra persone dello stesso sesso non ha reso obbligatorio per tutti il desiderio di unirsi con un partner dello stesso genere. Ha piuttosto abbattuto un muro, permettendo a chi prima era escluso di rivendicare la propria libertà affettiva e legale. Non si tratta di una modifica dell’orientamento o dell’identità altrui, ma di un’allargamento del perimetro della libertà.

Un altro esempio evidente è il diritto all’aborto. La possibilità di interrompere una gravidanza non ha mai preteso di divenire una prassi standard per tutte le donne incinte. È, invece, un’opzione per chi si trova di fronte a situazioni di emergenza, per chi valuta che non è il momento giusto o per chi, semplicemente, sceglie un percorso di vita differente. Non promuove l’aborto, ma riconosce e rispetta la complessità della vita femminile e la sacralità della scelta.

Potremmo proseguire elencando altri diritti: il diritto di non professare alcuna religione non significa che tutti debbano diventare atei; il diritto alla libertà di espressione non implica che tutti debbano esprimere opinioni controversie; il diritto all’istruzione non obbliga chiunque a conseguire un dottorato. E così via.

Il punto cruciale di questo ragionamento è semplice, ma fondamentale: un diritto è un’opportunità, non un dovere. Rappresenta la libertà di scegliere, non l’obbligo di aderire. E in una società democratica, dove la pluralità di voci e scelte è la vera ricchezza, è essenziale che ogni individuo possa esercitare i propri diritti senza sentirsi obbligato a conformarsi a un modello unico o dominante.

La confusione tra diritti e obblighi nasce spesso da paure infondate o da un’errata comprensione della natura dei diritti stessi. La società progredisce quando amplia le libertà, non quando le restringe. E in un’epoca di cambiamenti rapidi e profondi, è nostro dovere, come cittadini, ricordare e ribadire che l’affermazione di un diritto è un ampliamento della nostra libertà, non una sua restrizione.

Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;