Le Utopie Frantumate: Proprietà Privata vs Comunione dei Beni nelle Comunità Hippy

La promessa di un’era di Acquario. Una nuova società in cui il concetto di proprietà privata era da rottamare, e in cui la comunione dei beni rappresentava l’idea guida per la creazione di una società più equa e unita. Ecco uno dei principi cardine che sottendevano le comunità hippy, gruppi di individui che, tra gli anni ’60 e ’70, cercarono di reinventare la società e di liberarla dai vincoli di un capitalismo percepito come oppressivo.

L’abolizione della proprietà privata – questa era l’idea – avrebbe eliminato l’avarizia, l’ingiustizia e l’ineguaglianza. Tutto ciò che era posseduto da un individuo sarebbe stato condiviso con il gruppo, creando una comunità in cui ciascuno aveva accesso a tutto ciò di cui aveva bisogno. Il denaro, visto come radice di molti mali sociali, avrebbe perso il suo valore e il suo potere.

In teoria, questa visione era allettante. Ma la realtà è risultata molto più complessa e sfaccettata. L’utopia della condivisione totale si è scontrata con la natura umana e con le complessità della gestione dei beni materiali. Laddove si pensava che l’abolizione della proprietà privata avrebbe portato alla fine delle tensioni, nella pratica, ha spesso alimentato nuovi conflitti.

La questione di chi avesse il diritto di usare cosa, quando e come, si è rivelata molto più intricata di quanto inizialmente immaginato. Chi decideva l’uso dei beni comuni? Come si evitavano abusi e prevaricazioni? La gestione equa e corretta dei beni, senza l’ausilio di regole chiare e istituzionalizzate, divenne presto un nodo gordiano per molte di queste comunità.

Alcune persone, per esempio, finivano per fare più del loro “equo” contributo, mentre altre si dimostravano meno propense a lavorare o a condividere le proprie risorse. Questo generava risentimenti e tensioni, minando la coesione del gruppo e l’ideale della condivisione altruistica.

E allora, cosa ci insegna il fallimento di queste comunità? Forse, che il bisogno di proprietà e di una certa misura di individualismo è più profondamente radicato nella natura umana di quanto queste utopie hippy avevano previsto. O forse, che il passaggio dalla teoria alla pratica richiede una considerazione più profonda delle complessità del comportamento umano e delle dinamiche sociali.

Nel riflettere sulle utopie frantumate delle comunità hippy, possiamo forse meglio apprezzare le sfide che comporta la creazione di una società più equa e giusta. Il desiderio di abolire la proprietà privata e di instaurare la comunione dei beni ha messo in luce problemi profondi che vanno affrontati se vogliamo costruire un mondo più equo. E sebbene queste utopie non siano riuscite a realizzare il loro obiettivo, ci offrono preziose lezioni su come possiamo lavorare insieme per creare un mondo migliore.

© Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;