Misteri Sacri: Il Martirio di San Tommaso Becket e San Pietro Martire

Simboli e Segreti nelle Iconografie dei Santi Martiri
San Tommaso Becket
San Tommaso Becket

Il crepuscolo del 29 dicembre avvolge Canterbury di una patina dorata, mentre la città, in silenzio, si prepara a commemorare il tragico destino di San Tommaso Becket. Arcivescovo e martire, la sua vita si intreccia con i fili di una fede incondizionata e di un coraggio senza eguali. La spada che segnò il suo epilogo non è solamente uno strumento di morte, ma un simbolo che risplende attraverso i secoli, raccontando di un’anima che, nel momento supremo del sacrificio, s’innalzò al di sopra della propria umanità.

Il dramma che si consumò sull’altare della cattedrale di Canterbury non fu un semplice atto di violenza, bensì un evento che avrebbe segnato indelebilmente la storia spirituale dell’umanità. San Tommaso, con l’abito vescovile che lo avvolge come un mantello di dignità, la mitria che testimonia la sua elevazione spirituale, e il pastorale, emblema del suo compito di guida delle anime, si eleva al di sopra della violenza mondana. La spada, simbolo di potere temporale, che a volte viene raffigurata mentre gli trafigge il capo, diventa nell’arte e nella memoria collettiva un vessillo di martirio.

San Tommaso Becket,
San Tommaso Becket,

Anche San Pietro Martire, nell’ombra della propria passione, condivide il simbolo del martirio. Il coltello o la mannaia che si conficca nel suo cranio rappresenta un’altra pagina scritta con l’inchiostro del sacrificio. Sebbene i ferri del loro trapasso differiscano, entrambi i santi riposano nella memoria comune, uniti dal filo rosso del loro eterno sacrificio.

Per distinguere tra le due figure sacre non si necessita di una guida esperta; l’iconografia è chiara, eloquente. Se un santo è vestito del sacro abito vescovile, adornato di mitria e impugna il pastorale, è San Tommaso a parlare al cuore del fedele. Se invece lo sguardo incontra un martire senza insegne episcopali, col cranio perforato da un’arma più rudimentale, ecco che la storia di San Pietro si disvela davanti agli occhi.

San Pietro Martire nei dipinti tardo quattrocenteschi di G. Bellini (a sx) e C. Crivelli (a dx).
San Pietro Martire nei dipinti tardo quattrocenteschi di G. Bellini (a sx) e C. Crivelli (a dx).

Mentre le campane di Canterbury intonano la loro antica melodia, il loro suono sembra percorrere non solo le strade acciottolate della città, ma anche il continuum del tempo, intrecciandosi con la voce del passato. C’è un palpito che si sprigiona dall’eco metallica, un ritmo che batte all’unisono con il cuore di chi ascolta, evocando la solennità di un evento che trascende l’ordinario fluire delle ore.

Nel rintocco, c’è un’eco che porta con sé l’eredità di San Tommaso Becket, quel grido di fede che ha infranto il silenzio di una fredda sera d’inverno. Non è solo il suono a impregnarsi di storia, ma anche l’aria stessa, che sembra vibrare di una solennità invisibile ma percettibile. È come se ogni campana che risuona inviti a fermarsi un istante, a lasciare che il quotidiano dia spazio all’eterno, a quei pensieri più elevati che normalmente restano sopiti dietro le facciate dell’esistenza.

San Tommaso Becket,
San Tommaso Becket,

La meditazione sul martirio e sulla fede non è un’esercizio di nostalgia, ma una pratica di introspezione e comprensione. Le storie di questi santi martiri non si limitano a narrare di vite spezzate; sono l’espressione più pura di una dedizione assoluta, di un amore che va oltre il confine dell’io per abbracciare una realtà più grande. La foglia palma, ritratta nelle rappresentazioni sacre, non è semplicemente un ornamento pittorico, ma il simbolo di un trionfo che non appartiene alle vittorie terrene.

La palma, con le sue fronde che si protendono verso l’alto, sembra indicare un cammino, una direzione che guida lo sguardo e lo spirito verso l’alto, verso quei cieli che San Tommaso e San Pietro Martire hanno cercato con la loro esistenza terrena. Nelle loro storie, e in quelle di tutti i martiri, si riflette la ricerca dell’uomo di un significato che vada oltre la vita terrena, una ricerca che ogni essere umano, indipendentemente dalla propria fede, compie nel proprio intimo.

Questi santi, dunque, non risiedono solo nelle tele o nelle statue che li ritraggono. Loro vivono nel bisogno intrinseco dell’uomo di cercare la luce in mezzo all’oscurità, di trovare speranza anche nella notte più buia. Le loro vite sono lampade accese nella storia, punti luminosi che continuano a guidare le generazioni future verso una comprensione più profonda dell’esistenza, verso quella dimensione di trascendenza che da sempre affascina e sfida l’umanità nella sua incessante e meravigliosa ricerca.

Marco Mattiuzzzi

San Tommaso Becket,
San Tommaso Becket,
By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;