San Giovanni Apostolo ed Evangelista: Icona Eterna tra Simbolismo e Arte Sacra

Attributi e Anacronismi: La Complessità dell'Iconografia di San Giovanni nell'Arte

Il 27 dicembre, quando la luce del Natale non si è ancora affievolita, la Chiesa commemora un altro luminare: San Giovanni Apostolo ed Evangelista. Una figura centrale nel cristianesimo, egli è l’archetipo dello scriba divino, l’intermediario che ha portato a noi la Parola attraverso il suo Vangelo e l’Apocalisse. Ma come si distingue questa figura venerabile nelle rappresentazioni artistiche? Per il non esperto, l’identificazione potrebbe non essere immediata, ma ecco dove entrano in gioco gli attributi iconografici.

Vladimir Borovikovsky - San Giovanni Apostolo ed Evangelista

Ogni santo ha il suo linguaggio simbolico, e nel caso di San Giovanni, gli elementi che fungono da suoi distintivi sono peculiari: l’aquila, il libro e il serpente che emerge da un calice. L’aquila simboleggia la sua elevata spiritualità e l’acume teologico, rappresentando il cielo che tocca la Terra attraverso la sua penna. Il libro è un riferimento ovvio al suo ruolo di Evangelista, un testimone che ha codificato la vita e gli insegnamenti di Cristo. E poi c’è il serpente in un calice, un rimando alla leggenda secondo cui Giovanni sopravvisse a un tentativo di avvelenamento, mettendo in evidenza il suo status di essere divinamente protetto.

In quest’arte sacra, la somiglianza fisica cede il passo ai simboli. Non è il volto dell’uomo che conta, ma ciò che egli rappresenta. Il ritratto non è un calco della sua fisionomia, ma un’icona dei suoi attributi e delle sue virtù.

El Greco - San Giovanni Apostolo ed Evangelista

Tra gli artisti che hanno immortalato San Giovanni, troviamo nomi illustri come Vladimir Borovikovsky, El Greco, Alessandro Turchi e Badalocchio Sisto. Ognuno di loro ha offerto un contributo unico alla narrazione iconografica del santo. Ad esempio, l’opera di Badalocchio Sisto presenta un Giovanni giovane, quasi giovanile, nonostante il momento dell’Apocalisse sia collegato a un’età avanzata della sua vita. Un’anacronismo deliberato, certo, ma un esempio fulgido di come l’arte sacra si conceda delle licenze per enfatizzare determinati aspetti del sacro.

Badalocchio Sisto - San Giovanni Apostolo ed Evangelista

In particolare, il giovane Giovanni di Badalocchio sembra esprimere l’eterna giovinezza dello spirito, la freschezza della rivelazione divina che non invecchia mai, anche quando il corpo terreno cede al tempo. È un contrasto intrigante, una piccola ma potente deviazione che ci fa riflettere sul concetto di eternità e sull’inesorabile fluire del tempo nella vita mortale e immortale.

Alessandro Turchi - San Giovanni Apostolo ed Evangelista

E così, attraverso l’uso degli attributi e la creatività artistica, San Giovanni Apostolo ed Evangelista continua a vivere nelle tele e negli affreschi, un’icona eterna che parla tanto al devoto quanto all’amatore d’arte, collegando generazioni di fedeli nella sua eterna narrazione di fede e redenzione.

Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;