Al di là del Mito: Dedalo e Icaro nell’Arte di Canova

Un Tributo Scultoreo tra Generazioni: L'Omaggio di Canova al Suo Mentore

Nel cuore pulsante di Venezia, dove l’eco del passato si intreccia con il respiro dell’arte, il Museo Correr custodisce un dialogo scolpito tra epoche e affetti: “Dedalo e Icaro” di Antonio Canova. Quest’opera, scolpita con la maestria di un artista già maturo nonostante la giovane età, è un ponte tra il mito antico e la gratitudine eterna.

La narrazione del mito è nota: Dedalo, l’artigiano ingegnoso, e Icaro, il figlio audace, si elevano oltre i confini della loro prigionia con ali di cera e piume. Ma l’ardore di Icaro lo spinge troppo vicino al sole, e, in un tragico epilogo, il mare accoglie il suo cadere.

Canova, tuttavia, intesse una storia più personale in questo gruppo scultoreo. La differenza d’età tra i due figure non parla di padre e figlio, ma di nonno e nipote, e il volto di Dedalo è un chiaro omaggio al nonno di Canova. È un racconto di riconoscenza, dove il nonno, pur nelle sue ristrettezze, vende un terreno per assicurare al giovane Antonio un futuro nell’arte, dandogli le ali non di cera, ma di talento e opportunità.

“Dedalo e Icaro” di Antonio Canova
“Dedalo e Icaro” di Antonio Canova

Non tutti vedono in questa scultura l’eco di questa storia familiare. Alcuni sostengono che il nonno di Canova fosse reticente a perdere un aiuto nella sua bottega di scalpellino. Eppure, anche se con un brontolio di malcontento, il nonno compie il sacrificio, permettendo a Canova di “volare” verso il suo destino artistico.

La scultura, quindi, non è solo un’interpretazione del mito, ma un dialogo tra generazioni, un tributo scultoreo che celebra il mentore e il discepolo, il sacrificio e il successo. È un invito a riflettere sulle ali che ci vengono date e su come scegliamo di usarle.

Per chi desidera immergersi in questa storia di arte e affetto, il Museo Correr offre non solo la visione di questa opera ma anche un viaggio attraverso il tempo, dove ogni scultura, ogni pennellata, ogni nota musicale è un volo dell’anima verso l’infinito.

Marco Mattiuzzi

“Dedalo e Icaro” di Antonio Canova
By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;