Caravaggio e la Rivoluzione della Madonna dei Parafrenieri: Un Capolavoro tra Sacro e Profano

Scandalo e Genio nell'Opera di Caravaggio che ha cambiato la Storia dell'Arte
Caravaggio: Madonna dei Parafrenieri
Caravaggio: Madonna dei Parafrenieri

Nella vibrante Roma del Seicento, dove arte e religione si intrecciano in una danza di potere e passione, Michelangelo Merisi, noto come il Caravaggio, si appresta a dipingere un’opera destinata a scuotere le fondamenta stesse del convenzionale: la Madonna dei Parafrenieri. Commissionata dalla Arciconfraternita dei Parafrenieri Pontifici, questa tela è destinata a sostituire l’immagine di Sant’Anna nella loro cappella.

La scelta di Caravaggio cade sulla figura di Maddalena Antognetti, nota come Lena, una donna dal fascino terreno e sensuale, amica e modella del pittore. In lei, Caravaggio vede l’incarnazione perfetta della Madonna, una scelta audace che si distacca dalle tradizionali raffigurazioni celestiali. Ma è proprio in questo realismo crudo, in quella nudità infantile di Gesù e nel seno pronunciato di Lena, che si cela l’essenza rivoluzionaria del Caravaggio: una Madonna palpabile, reale, quasi tangibile nella sua umanità.

Il Cardinale Gabriele Paleotti
Il Cardinale Gabriele Paleotti

La tela, però, non è destinata a ricevere l’acclamazione sperata. Invece di lodare l’originalità dell’opera, i Parafrenieri si trovano scandalizzati. La Vergine, a loro parere, è troppo popolana, troppo seducente, un’affronto alla sacralità che si aspettavano. Anche Sant’Anna, raffigurata come una figura anziana e distaccata, non soddisfa le aspettative di una rappresentazione tradizionale. La rappresentazione del serpente, schiacciato sotto i piedi di Madonna e Bambino, simboleggia il tema dell’Immacolata Concezione, ma anche in questo, Caravaggio sembra flirtare con interpretazioni luterane, un ulteriore strappo al tessuto della dottrina cattolica.

Le voci critiche non tardano a farsi sentire. Gabriele Paleotti, nel suo “Discorso intorno alle immagini sacre e profane”, esprime disgusto per la rappresentazione di una Vergine che potrebbe evocare pensieri lascivi. Giovanni Pietro Bellori, con tono severo, critica la scelta di ritrarre la Vergine in maniera così “vilmente” umana.

Carlo Maratta: Ritratto dello scrittore e storico dell’arte Giovanni Pietro Bellori
Carlo Maratta: Ritratto dello scrittore e storico dell’arte Giovanni Pietro Bellori

In questo scenario di controversie e dibattiti, emerge la figura di Scipione Borghese, cardinale e mecenate, che riesce a cogliere la grandezza di quest’opera. Con una mossa audace, acquista il dipinto per 100 scudi, salvandolo dall’oblio e garantendogli un posto d’onore nella sua collezione. Oggi, quel dipinto è un tesoro della Galleria Borghese, una testimonianza della visione rivoluzionaria di Caravaggio, che ha saputo catturare in modo unico l’essenza umana e divina.

La Madonna dei Parafrenieri, quindi, è molto più di un semplice dipinto: è un manifesto di un’arte che osa sfidare i canoni, un’opera che parla di passione, di realismo, e di una sensualità che non teme di mostrarsi nella sua nuda verità. È Caravaggio, nella sua forma più pura, che invita lo spettatore a guardare oltre la superficie, a cercare la verità nascosta dietro ogni pennellata.

Marco Mattiuzzi

Ottavio Leoni: Ritratto del cardinale Scipione Borghese
Ottavio Leoni: Ritratto del cardinale Scipione Borghese
By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;