Caravaggio e la Crocifissione di Sant’Andrea: Un Capolavoro riscoperto

Esplorazione di un'Opera Minore e la Maestria di Caravaggio nella Luce e Composizione
Caravaggio: Crocifissione di sant’Andrea
Caravaggio: Crocifissione di sant’Andrea

Opera “Minore” di Caravaggio

Michelangelo Merisi da Caravaggio, un nome che echeggia nell’universo dell’arte con la forza di un fulmine, ha lasciato un’eredità di capolavori che continuano a stupire e a ispirare. Tra le sue opere, alcune hanno ottenuto meno riconoscimento, ma non per questo sono meno straordinarie. La “Crocifissione di Sant’Andrea” (1591-1610) è un esempio di queste gemme nascoste. Questo dipinto meraviglioso, pur essendo meno noto, rivaleggia in stile ed esecuzione con altri lavori più celebri del Maestro.

Caravaggio è celebre per il suo uso innovativo della luce, un elemento che ha influenzato in modo significativo la fotografia moderna. Il termine “Luce Caravaggio” si riferisce proprio a questo stile di illuminazione radente, che crea contrasti drammatici e mette in risalto i dettagli. Nella “Crocifissione di Sant’Andrea”, Caravaggio utilizza questa tecnica per accentuare la tensione e la drammaticità del momento.

Questo dipinto fu commissionato durante il primo periodo napoletano di Caravaggio, un’epoca segnata dalla fuga dell’artista da Roma e dalla sua produttiva attività artistica a Napoli. Si ritiene che il viceré di Napoli, Juan Alonso Pimentel de Herrera, conte di Benavente, abbia commissionato l’opera per adornare la cripta di Sant’Andrea nella Cattedrale di Amalfi.

Curiosamente, la “Crocifissione di Sant’Andrea” non raggiunse mai la sua destinazione prevista. Invece, accompagnò il suo mecenate, Juan Alonso Pimentel de Herrera, nel suo ritorno in Spagna, dove rimase per quasi quaranta anni. Dopo vari passaggi, l’opera è stata infine acquisita dal Museo di Cleveland nel 1976, dove oggi è ammirata da innumerevoli visitatori.

Caravaggio: Incoronazione di spine
Caravaggio: Incoronazione di spine

Analisi Artistica: La Crocifissione Secondo Caravaggio

L’opera, ispirata dalla Legenda Aurea, un testo che racchiude storie di santi e martiri, raffigura Sant’Andrea crocifisso. Caravaggio, pur rispettando la tradizione della croce latina, gioca con le forme per evocare la croce a X, simbolo di Sant’Andrea. Il corpo del santo e quello dell’aguzzino creano una composizione che ricorda questa croce particolare, dimostrando la maestria di Caravaggio nel trasmettere simbolismo attraverso la disposizione dei personaggi.

Interessante è il parallelo con un’altra opera di Caravaggio, “L’Incoronazione di Spine”. La figura dell’armatura in basso a destra nel dipinto della Crocifissione di Sant’Andrea sembra fare eco a una figura simile nell’Incoronazione di Spine, suggerendo una continuità tematica nell’opera di Caravaggio.

Nonostante la sua minore notorietà, la “Crocifissione di Sant’Andrea” ha ispirato varie copie, alcune delle quali si trovano in prestigiose collezioni a Vienna, Londra, Toledo e Digione. Queste repliche sottolineano l’influenza duratura e l’apprezzamento che l’opera ha continuato a ricevere nel corso dei secoli.

In conclusione, la “Crocifissione di Sant’Andrea” rappresenta un aspetto meno conosciuto, ma non meno affascinante, dell’opera di Caravaggio. Questo capolavoro, pur essendo stato oscurato da altre opere più famose, merita di essere riscoperto e apprezzato per la sua profondità artistica e il suo impatto emotivo.

Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;