Magia Scenica: “La Tempesta”, un incanto di Luci e Ombre sul Palco

L'arte di Shakespeare interpretata da Alessandro Serra: un viaggio tra sogno e realtà al Teatro Civico di Vercelli

Il sipario si alza la sera del 5 dicembre nel Teatro Civico di Vercelli, e il pubblico è subito trasportato in un universo dove la scenografia di Alessandro Serra predomina maestosa. Assistere a “La Tempesta” di William Shakespeare è stato un viaggio nelle profondità dell’arte teatrale. La commedia originale di Shakespeare, con la sua trama che intreccia magia, potere e redenzione, è stata il fondamento su cui Serra ha costruito un’interpretazione visiva mozzafiato curando la regia, le scene, le luci i suoni e i costumi.

La luce, elemento vitale dell’allestimento, non si limita a illuminare ma plasma lo spazio scenico, trasformandosi in un personaggio silenzioso ma potente. I coni di luce disegnano, contornano e danno vita agli attori, mentre i muri di teli neri assorbono ed espandono la luminosità, creando un gioco di ombre e di rilievi che sembrano danzare con la trama stessa.

Ogni elemento sul palco è un frammento di un puzzle più grande, un dettaglio in un quadro che si compone sotto gli occhi degli spettatori. I costumi, fedeli eppure innovativi, si fondono con il movimento degli attori, ricordando le scene pittoriche del registra Peter Greenaway, dove ogni gesto è carico di significato e ogni posa è un’opera d’arte. La commedia si svolge in una serie di quadri viventi, con l’illuminazione radente che scolpisce i visi e le figure, esaltandone i tratti come in un dipinto di Caravaggio, dove luce e buio si sfidano in un eterno contrasto.

Gli attori, con una recitazione che non ammette incertezze, trasportano il pubblico attraverso la gamma emotiva umana. La loro performance è un dialogo continuo tra la parola di Shakespeare e il corpo che la esprime. La commedia, intrisa di momenti scurrili com’era usuale all’epoca, gioca con i contrasti, mantenendo quella leggerezza che è firma del drammaturgo inglese, pur toccando temi profondi e universali.

Il culmine dello spettacolo è la danza, un momento di pura estasi teatrale, con musiche che evocano l’oscuro e suggestivo “Vampire Masquerade” di Peter Gundry. È un richiamo alle feste mascherate, un’evocazione di tempi antichi e misteriosi. La scena del “mostro” che balla e si esibisce in acrobazie, con tanto di tuba e frac, si dipana con un umorismo che sfiora il grottesco, un chiaro cenno al “Frankenstein Junior” di Mel Brooks, introducendo un divertissement che bilancia il dramma e l’intensità delle scene precedenti.

Infine, la presenza scenica di Calibano, Trinculo e Stefano rievoca in modo vivace l’essenza della commedia dell’arte napoletana. Con la loro buffa grettezza e gli scambi di battute che sfiorano l’assurdo, queste figure sembrano incarnare l’archetipo di Pulcinella, con i suoi intricati intrecci e situazioni al limite del reale. L’interazione tra questi tre personaggi, piena di equivoci e beffe, porta una ventata di quella comicità genuina e spesso improvvisata che è da sempre simbolo della tradizione teatrale partenopea, aggiungendo così un sapore unico allo spettacolo che si fonde perfettamente con l’atmosfera magica e surreale della narrazione shakespeariana.

La Tempesta, così reinterpretata, è più di una rappresentazione: è una celebrazione del teatro come arte visiva e narrativa, dove ogni minimo dettaglio contribuisce a un’esperienza totale. È un’opera che cattura l’essenza della tragedia e della commedia umana, lasciando nel pubblico un senso di meraviglia e di contemplazione che perdura ben oltre l’applauso finale.

Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;