Mito e Arte: La Tragica Morte di Giacinto nell’Iconografia Pittorica

Dalla Pallacorda al Tennis: Evoluzioni e Simbolismi nel Ritratto di Giacinto e Apollo
Francesco Boneri - Cecco del Caravaggio- morte di giacinto
Francesco Boneri - Cecco del Caravaggio- morte di giacinto

La storia dell’arte è tessuta di narrativa e mito, elementi che si intrecciano in un continuo dialogo tra passato e presente. In una mia precedente disamina, ho avuto il piacere di esplorare attraverso le tele di celebri artisti il mito della tragica morte di Giacinto. Questo giovane, amato dall’illustre Apollo, trovò la morte durante un’agone di lancio del disco, trasformato in strumento di vendetta dal dio Zefiro, anch’egli innamorato, ma non corrisposto, del bel Giacinto.

Il disco, strumento di questa tragedia, è rappresentato nelle opere con varie interpretazioni. In alcuni quadri, è un disco massiccio e pesante, ben diverso da quelli moderni usati nelle competizioni atletiche. Ma, in altri dipinti, il disco cede il posto a racchette, un dettaglio che rispecchia le evoluzioni culturali e artistiche del mito.

Questa particolare metamorfosi iconografica può essere attribuita alla versione del mito riportata da Giovanni Andrea dell’Anguillara nel XVI secolo. La sua traduzione delle Metamorfosi di Ovidio trasforma la gara di lancio del disco in un match di pallacorda, sport assai diffuso nel Rinascimento.

Giambattista Tiepolo - La morte di giacinto
Giambattista Tiepolo - La morte di giacinto

Nelle opere di artisti come Francesco Boneri, noto come Cecco del Caravaggio, e Giambattista Tiepolo, troviamo rappresentate racchette sorprendentemente simili a quelle moderne del tennis. Questo dettaglio non è solo un anacronismo artistico, ma una riflessione sulla natura mutevole della rappresentazione mitologica.

Il dipinto di Boneri, in particolare, sembra essere influenzato da un episodio della vita del suo maestro Caravaggio, che durante una partita a pallacorda finì per uccidere Ranuccio Tomassoni. Questa tragedia personale trova un’eco nel destino di Giacinto, come se l’arte riflettesse la realtà in modi inaspettati.

Anche l’opera di Tiepolo nasconde un significato più profondo, legato alla committenza del conte Wilhelm di Schaumburg-Lippe. Si narra che fosse dedicata alla memoria del suo amante, un musicista spagnolo appassionato di pallacorda, tragicamente morto in circostanze simili a quelle di Giacinto. In queste storie si riflette la natura universale dei miti, che, attraverso l’arte, continuano a parlare alle nostre anime, indipendentemente dal tempo e dal luogo.

Marco Mattiuzzi

La morte di Giacinto, Palazzo Taffini (Savigliano)
La morte di Giacinto, Palazzo Taffini (Savigliano)
By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;