Angelo Gilardino: Un Poliedrico Maestro dell’Arte Chitarristica

Angelo Gilardino è una figura leggendaria che ha illuminato il panorama musicale globale con una luminosità rara. Nato nel 1941 a Vercelli, ma cresciuto ad Asigliano Vercellese, questo artista e pedagogo ha lasciato un segno indelebile nella storia della chitarra classica e dell’umanesimo. La sua abilità nel tessere insieme il classicismo e le tonalità moderne lo ha reso una figura ineguagliabile.

Dai Primi Passi a Vercelli all'Ascesa Internazionale

Nell’atmosfera brumosa di Vercelli, una cittadina dove il tempo sembra quasi fermarsi, un giovane Angelo Gilardino scopre il suo rifugio nel mondo della musica. Dopo aver vissuto la devastante perdita del padre, la sua famiglia decide di trasferirsi, in cerca di nuovi inizi. Qui, nella quiete apparente di una città distante dai centri nevralgici della vita musicale italiana, inizia un viaggio di autoscoperta che lo guiderà molto lontano.

Mentre frequenta le scuole di musica locali, l’interesse di Gilardino per la musica si cristallizza in una vera e propria passione. Esplora con entusiasmo vari strumenti, dal violoncello alla chitarra, ma non si ferma alla semplice esecuzione. Con una curiosità insaziabile, si dedica allo studio della composizione, forse in un tentativo di sondare i misteri della lingua universale che è la musica.

Nel 1958, qualcosa di straordinario accade. La sua carriera concertistica, che fino ad allora era stata una serie di esibizioni minori, improvvisamente prende il volo. Angelo non è un esecutore qualunque; fin dalle prime esibizioni, si distingue per una sensibilità quasi profetica nella scelta del repertorio. Si concentra su composizioni contemporanee e audaci, spesso su brani scritti appositamente per lui da compositori che vedono in lui non solo un virtuoso, ma un interprete in grado di dare vita alle loro opere nel modo più completo.

Con ogni nuovo brano commissionato, con ogni esecuzione magistrale, la sua reputazione cresce. Presto, il nome di Angelo Gilardino diventa sinonimo di un nuovo tipo di chitarrista: innovativo, coraggioso, e dotato di un raro talento per mettere in comunicazione il pubblico con le intricatissime sfumature della musica contemporanea.

A ben vedere, gli anni trascorsi a Vercelli non sono stati un periodo di isolamento, ma un tempo necessario per l’incubazione di un talento genuino. La città, con il suo ritmo lento e la sua atmosfera raccolta, ha offerto al giovane Gilardino il luogo ideale per crescere sia come artista che come individuo. Da quelle umili radici, in una piccola città lontana dai riflettori, è sorto un musicista destinato a cambiare il paesaggio sonoro della sua epoca.

L'Anno della Svolta: L'Evoluzione di un Maestro

Nel lontano 1981, Angelo Gilardino si trova a un bivio. Con una carriera di concertista già avviata e promettente, affronta una decisione che potrebbe sembrare, agli occhi del mondo, quasi eretica: decide di prendere una pausa dalle luci della ribalta e dai grandi palcoscenici per dedicarsi a nuovi, meno appariscenti, ma non meno affascinanti campi del fare musica. È una decisione coraggiosa, carica di significato, che apre una nuova fase della sua vita artistica.

Con una risoluta determinazione, si rivolge ad aree della musica che percepisce necessitano della sua attenzione e del suo genio: la composizione, l’insegnamento e la musicologia. È un ritorno alle radici, una sorta di pellegrinaggio interiore che lo conduce alla cattedra didattica, e alla scrittura di trattati che cerchino di fissare la teoria e la pratica in un dialogo continuo e fecondo.

Nel medesimo periodo, Gilardino accetta la docenza di chitarra presso il rinomato Conservatorio “Vivaldi” di Alessandria. La notizia della sua nuova nomina manda ondate di eccitazione attraverso il mondo musicale italiano; studenti e colleghi comprendono l’importanza di avere un maestro di tale calibro tra le mura dell’istituzione. Qualche anno più tardi, spostandosi più a nord, assume un altro ruolo didattico di rilievo all’Accademia Lorenzo Perosi di Biella.

Questi incarichi non sono semplici posti di lavoro per lui; sono piuttosto delle missioni. Qui, sottolinea l’importanza del rapporto intimo tra la teoria e la pratica, incoraggiando gli studenti a esplorare la profondità emotiva delle composizioni mentre affinano la loro tecnica. Con un piede nel passato e uno rivolto al futuro, Gilardino si avvale delle posizioni accademiche per influenzare la prossima generazione di musicisti, imprimendo in loro un amore per l’arte che va oltre il semplice virtuosismo.

Questo periodo di intensa attività accademica continua fino al suo ritiro definitivo dall’insegnamento nel 2004. Non è un addio silenzioso, ma un’uscita di scena maturata e ponderata, che lascia dietro di sé un’eredità incancellabile. Studenti, colleghi e critici musicali sentono tutti la mancanza della sua presenza, ma comprendono che il suo impatto è destinato a resistere all’usura del tempo.

Per Angelo Gilardino, l’anno 1981 non è stato un momento di ritiro, ma una svolta, un passo audace verso nuovi orizzonti che hanno ampliato non solo il suo mondo, ma anche il paesaggio musicale a cui ha dedicato tutta la sua vita.

L'Artista e il Pedagogo

Angelo Gilardino non era soltanto un maestro nel maneggiare la chitarra; era un oracolo della pedagogia musicale. Quando varcavi la soglia della sua aula, entravi in un ecosistema di apprendimento dove ogni elemento era meticolosamente orchestrato per ispirare e formare.

Gli studenti che erano fortunati a chiamarlo maestro trovavano molto più di una lezione tecnica: trovavano un viaggio. Con il passare del tempo, con Gilardino come guida, diventavano fluenti in una lingua molto più complessa e sottile della semplice notazione musicale. Imparavano il linguaggio della musica in tutte le sue infinite variazioni, un linguaggio che comunicava non solo con la mente, ma che raggiungeva profondamente l’anima e il cuore.

Nelle sue lezioni, Gilardino era solito mescolare teoria e pratica in un cocktail seducente di sapere. Mai un mero esercizio tecnico era separato dal contesto emotivo o storico in cui era nato. Ad esempio, se un allievo stava studiando un pezzo di Bach, l’illustre maestro avrebbe potuto discutere le influenze storiche e culturali che avevano plasmato quel compositore, il periodo storico nel quale visse, e come la sua opera si collocava nel tessuto più ampio del canone musicale.

Ma il suo insegnamento andava ancora oltre. Gilardino si dedicava a svelare la filosofia intrinseca di ogni composizione, instillando nei suoi allievi una capacità di ascolto e interpretazione che andava al di là della semplice esecuzione. Era un abile comunicatore che sapeva quando spingere e quando dare spazio, capendo che la crescita artistica richiede sia disciplina che libertà.

Gli allievi, a loro volta, non potevano fare a meno di sentire un senso di responsabilità verso l’arte che stavano imparando a dominare. Sapevano che non erano soltanto eredi di una tradizione, ma anche portatori di un messaggio più grande: che la musica è una lingua universale, capace di parlare a chiunque, indipendentemente dall’origine o dallo status.

Nelle mani di Angelo Gilardino, l’arte dell’insegnamento diventava essa stessa una forma d’arte,  un modo per toccare la vita delle persone in maniera irrevocabile, lasciando un’impronta indelebile non solo sulle loro abilità, ma anche sulle loro anime

Il Recupero del Passato, La Creazione del Futuro

Angelo Gilardino non è solo un virtuoso della chitarra o un pedagogo eccezionale; è anche un esploratore dell’eredità musicale, un uomo la cui curiosità sa scavare nei meandri nascosti della storia della musica. La sua inquietudine intellettuale lo porta a una scoperta sensazionale: il manoscritto originale delle “Variazioni per chitarra” di Ottorino Respighi, un’opera incompiuta che giaceva nell’ombra dell’oblio. Questo ritrovamento non è un caso fortuito, ma il risultato di innumerevoli ore trascorse a setacciare archivi, a studiare manoscritti antichi e a dialogare con colleghi e storici.

Ma Gilardino non si limita a riportare alla luce le gemme dimenticate del passato; egli si immerge anche nelle creazioni degli altri. Scopre un vasto corpus di composizioni scritte originariamente per Andrés Segovia, il grande chitarrista spagnolo e pioniere della chitarra classica moderna. Nel fare ciò, non solo rende omaggio a una delle figure più emblematiche del mondo della chitarra, ma arricchisce anche il repertorio disponibile per le generazioni future di chitarristi.

Eppure, Gilardino non si accontenta di essere un semplice archeologo musicale. La sua propria produzione creativa è altrettanto prolifica e influente. Prendiamo ad esempio la sua raccolta “Studi di virtuosità e di trascendenza”, un lavoro che non è soltanto un esercizio tecnico, ma una profonda riflessione sulla natura stessa della chitarra e sul suo potenziale espressivo. Questi studi sono come dei mosaici sonori, ciascuno con la sua unicità, che mettono alla prova le abilità del chitarrista e offrono al contempo nuovi orizzonti di interpretazione.

Nelle sue mani, il ruolo del musicologo si fonde con quello del compositore, creando un legame indissolubile tra passato, presente e futuro. Angelo Gilardino non è solo un erudito o un artista, ma un vero custode del patrimonio musicale, un uomo che non solo recupera ciò che è stato perduto, ma che contribuisce con vigore alla tessitura della tapezzeria sonora che continuerà a ispirare per anni a venire.

Collaborazioni e Influenze

La maestria di Angelo Gilardino non rimane confinata agli spazi ristretti di una sala da concerto o di una classe di conservatorio. La sua influenza si estende ben oltre, grazie alle collaborazioni con altri eminenti artisti e musicisti del panorama internazionale. Queste alleanze artistiche non sono mere esibizioni di virtuosismo; rappresentano piuttosto un intreccio di culture, stili e tradizioni, una sorta di dialogo interculturale messo in musica.

E questo dialogo non è limitato ai confini geografici o ai generi musicali. Gilardino diventa un ambasciatore globale dell’arte della chitarra attraverso le sue masterclass internazionali. In queste sessioni, giovani talenti e veterani dello strumento convergono da angoli lontani del mondo, ognuno portando con sé le proprie tradizioni e peculiarità stilistiche. La classe diventa così un microcosmo di diversità, dove Gilardino funge da catalizzatore, permettendo ai partecipanti di assorbire nuove tecniche e di vedere la loro arte sotto una luce diversa.

Le sue esibizioni e lezioni non sono solo incontri temporanei di menti creative; diventano momenti di autentico scambio culturale che elevano l’arte della chitarra a una nuova dimensione globale. Questi eventi instaurano un linguaggio universale, dove le note e le melodie trascendono le barriere linguistiche e culturali, creando un ponte sonoro che unisce le persone indipendentemente dalla loro provenienza.

Così, la portata di Angelo Gilardino va ben oltre il solo ambito chitarristico, permeando l’intero tessuto della comunità musicale globale e arricchendo l’arte della chitarra su una scala che va ben oltre i confini nazionali o i generi musicali.

Oltre la Musica: Un Uomo del Rinascimento

La complessità di Angelo Gilardino non è limitata alla perfezione delle sue dita sulla tastiera o alla profondità del suono che evoca dalle corde della sua chitarra. Quel che lo distingue ancora di più è il suo profilo come uomo del Rinascimento, un termine che non viene usato alla leggera. Infatti, Gilardino è un uomo di cultura eclettica, le cui passioni e interessi si estendono ben oltre il mondo della musica.

Sui suoi scaffali, accanto alle partiture di Bach e alle opere di Segovia, è possibile trovare opere di letteratura classica e moderna, da Dante a Dostoevskij. Non sono semplici ornamenti; sono testimoni del suo continuo dialogo con i grandi pensatori e artisti del passato e del presente. Gilardino considera la letteratura come un supplemento essenziale alla sua arte, un altro veicolo che, come la musica, può esplorare gli abissi dell’esperienza umana e della condizione esistenziale.

La sua curiosità intellettuale non si ferma qui. Ha un amore profondo per le arti visive, in particolare per la pittura. Nei quadri, vede un richiamo all’estetica e all’emozione che permeano anche le sue composizioni musicali. Non è raro sentirlo fare riferimento a un dipinto durante una lezione, utilizzando un’opera d’arte come metafora per esprimere una sfumatura o un concetto musicale che altrimenti potrebbe risultare difficile da comunicare.

E poi c’è la filosofia, quella disciplina che esplora i grandi quesiti dell’esistenza, dal significato alla moralità. Gilardino non si limita a sfiorarla; l’assorbe, la soppesa, la discute. Nelle sue conversazioni e nelle sue lezioni, i pensatori filosofici trovano un posto d’onore, le loro idee spesso intrecciate con considerazioni musicali in un amalgama che illumina entrambi i campi.

In Gilardino, queste diverse discipline non vivono in compartimenti stagni, ma si fondono in una visione olistica della vita e dell’arte. Per lui, la musica è indissolubilmente legata a tutte queste forme di espressione e conoscenza, che convergono per formare un mosaico culturale e intellettuale di straordinaria profondità.

Ecco chi era Angelo Gilardino: un virtuoso, certo, ma anche un pensatore, un filosofo e un esteta, la cui profonda umanità e vasta cultura fanno di lui una figura che trascende qualsiasi etichetta o categoria.

Angelo Gilardino: Un Maestro nell'Arte e nella Vita

Angelo Gilardino non era semplicemente un insegnante di chitarra; incarnava il ruolo di maestro in ogni sfumatura del termine. Per lui, la musica trascendeva le barriere della mera competenza tecnica. Non si trattava solo di dite che volavano sulle corde o di complesse sequenze di note; si trattava di un dialogo con qualcosa di più grande, qualcosa di eterno e infinito. Per Gilardino, ogni accordo, ogni arpeggio, ogni frase musicale era un passaggio verso una comprensione più profonda dell’esistenza umana e dell’universo.

Le lezioni sotto la sua guida non erano mai solo un’esercitazione tecnica. Eran piuttosto un viaggio attraverso la storia della musica, una meditazione filosofica, un’explorazione psicologica. Gli studenti uscivano dalla sua aula non solo con una migliore padronanza dello strumento, ma anche con una nuova prospettiva sulla vita e sull’arte.

Il mondo ha perso un gigante quando Angelo Gilardino ha lasciato questa dimensione terrena nel 2022. La notizia della sua scomparsa ha risuonato come un tonfo sordo nei cuori di chiunque lo abbia conosciuto o abbia avuto il privilegio di essere influenzato dalla sua arte. Ma se la sua presenza fisica non è più tra noi, il suo impatto è tutt’altro che effimero.

Ogni volta che una delle sue composizioni è eseguita, ogni volta che un allievo sfodera un’esecuzione impeccabile, ogni volta che un nuovo pezzo di musica prende vita sulla carta, è come se un altro mattone venisse aggiunto all’imponente monumento della sua eredità. Il suo nome, il suo insegnamento e il suo spirito continueranno a risplendere come un faro, illuminando il percorso di innumerevoli aspiranti artisti e musicisti nel loro viaggio verso la scoperta della più autentica e profonda essenza dell’arte.

La sua eredità è un mosaico in continuo divenire, un’opera d’arte collettiva che continua a crescere e ad evolvere, a testimoniare la grandezza di un uomo che ha saputo toccare non solo le corde di una chitarra, ma le corde dell’anima umana.

Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;