Il Bene Pubblico e la responsabilità della comunità: Perché pagare è un atto di giustizia sociale

La spiaggia, luogo di svago per eccellenza, al pari di un parcheggio urbano, riflette una delle tante sfaccettature della società moderna. In teoria, entrambi sono “beni pubblici”, disponibili per tutti i cittadini indipendentemente dal loro status sociale. Tuttavia, in pratica, l’uso sostenibile e l’equità nell’accesso a questi beni pongono sfide sociopolitiche rilevanti.

L’equità e l’uso responsabile

Ogni giorno, in estate, migliaia di persone si riversano sulle spiagge, cercando un angolo di sabbia per distendere il proprio asciugamano. Durante l’ora di punta nelle metropoli, gli automobilisti si avventurano in una sorta di caccia al tesoro, cercando quel raro spazio libero in cui poter parcheggiare. In entrambi i casi, il bene pubblico viene assorbito, a volte fino al punto di saturazione.

Se lasciati senza regolamentazione, questi beni possono subire un uso eccessivo o un malauso. E qui emerge un principio fondamentale della sociologia politica: l’idea della “Tragedia dei Beni Comuni”. Senza una forma di regolamentazione, l’utilizzo indiscriminato dei beni comuni da parte di individui può portare al loro esaurimento o deterioramento.

Il contributo come forma di giustizia

Alcuni potrebbero obiettare, sostenendo che i beni pubblici, essendo appunto “pubblici”, dovrebbero essere gratuiti. Ma questa visione idealizzata tralascia un aspetto cruciale: la manutenzione e la gestione di tali beni hanno un costo. E, più importantemente, c’è un costo sociale legato al loro uso indiscriminato.

Quindi, se il parcheggio o la spiaggia sono mantenuti puliti, sicuri e accessibili, ciò avviene grazie ai fondi pubblici, che sono, in ultima analisi, le tasse pagate dai cittadini. Richiedere un contributo, anche simbolico, per l’utilizzo di questi beni può essere visto non solo come un mezzo per coprire i costi di manutenzione, ma anche come un incentivo per un uso più responsabile e consapevole.

Ripensare il nostro rapporto con i beni comuni

In qualità di società, dobbiamo iniziare a vedere i beni pubblici non come risorse scontate, ma come patrimoni comuni che richiedono la nostra cura e responsabilità collettiva. Pagare per l’uso di tali beni non dovrebbe essere visto come un onere, ma come un investimento nella qualità e nella longevità della nostra infrastruttura pubblica e, in ultima analisi, nella coesione e nel benessere della nostra società.

In conclusione, il pagamento per l’uso di beni pubblici, più che un semplice atto monetario, è un atto di giustizia sociale. Rappresenta un riconoscimento del valore che tali beni hanno per tutti noi e un impegno verso la loro salvaguardia per le generazioni future.

Marco Mattiuzzi
ESTROSFERE

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;