Il Mistero della Capuzzella con le Orecchie: Segreti Sacri e Profani di Santa Luciella a Napoli

Nel cuore del fervido e caotico ventre di Napoli, tra strade strette e antichi edifici che narrano storie di tempi passati, si trova un luogo sacro intriso di mistero e di spiritualità non convenzionale. Si tratta della chiesa di Santa Luciella ai Librai, custode di una tradizione profondamente radicata nella cultura popolare partenopea, quella del culto delle anime pezzentelle.

Alla luce pallida di un crepuscolo che si rispecchia tra le anguste viuzze, l’ingresso della chiesa si presenta come una porta verso l’ignoto. Un senso di sacralità misteriosa, intrisa di una bellezza sobria e raffinata, accoglie il visitatore.

Dentro, l’aria è pesante di silenzio, solo interrotto dal sussurro del tempo che sembra avere un ritmo diverso, quasi sospeso tra due mondi. I muri, abbracciati da un’atmosfera di venerazione, sono adornati da ex voto e da immagini di anime in pena, ritratti delle cosiddette anime pezzentelle, le anime povere, quelle che, secondo la tradizione napoletana, sono abbandonate a se stesse e intrappolate nel Purgatorio, in attesa di una mano amica che possa aiutarle a raggiungere la pace eterna.

A Santa Luciella, queste anime anonime trovano voce e presenza. Offerte e preghiere vengono depositate ai piedi delle loro immagini nella speranza di placare le loro pene e accelerare il loro passaggio al Paradiso. In cambio, si dice che queste anime, una volta liberate, possano intercedere a favore dei vivi, offrendo protezione e benedizioni.

Il più enigmatico e inquietante elemento di questa chiesa, però, è la capuzzella con le orecchie. Si tratta di un teschio umano, di una donna secondo la tradizione, con due insolite “orecchie”. Una vista raccapricciante, eppure oggetto di una fervente venerazione. I fedeli pregano questo bizzarro teschio, sperando che, attraverso le sue orecchie, possa ascoltare le loro preghiere e trasmetterle alle anime pezzentelle nell’aldilà.

Tuttavia, il mistero delle orecchie ha stimolato anche teorie più scientifiche. La prima attribuisce le strane protuberanze a una malformazione cranica, vista la fronte insolitamente alta del teschio. L’alternativa suggerisce che l’umidità della cripta potrebbe aver causato il distacco simmetrico delle ossa del cranio.

In ogni caso, l’origine della capuzzella con le orecchie rimane un mistero. Forse, le risposte giacciono sepolte sotto le antiche pietre di Napoli, o forse risiedono solo nelle speranze e nelle preghiere dei fedeli. Ciò che è certo è che questa strana reliquia continua ad ascoltare le storie dei mortali, sospesa tra il mondo dei vivi e quello dei morti.

Nel silenzio di questa chiesa, si può quasi sentire il brusio di queste anime, i loro lamenti soffusi, le loro suppliche. La tradizione vuole che, lasciando un’offerta e rivolgendo una preghiera al teschio con le orecchie, queste anime possano ascoltare e rispondere, diventando un ponte tra il mondo dei vivi e quello degli spiriti.

Santa Luciella a Napoli non è solo una chiesa, è un luogo dove si intrecciano fede, superstizione e una forma di spiritualità profondamente radicata nella cultura popolare. È un luogo dove il sottile velo tra il mondo dei vivi e quello dei morti sembra diradarsi, dove l’eco di antiche credenze risuona ancora nelle preghiere silenziose dei fedeli.

In questa chiesa, il culto delle anime pezzentelle rivela una Napoli diversa, sospesa tra sacro e profano, tra vita e morte, tra pietà e timore. Una Napoli che, nel suo groviglio di strade e storie, nasconde ancora oggi i segreti di un passato lontano, raccontati con la voce sommessa delle sue anime pezzentelle.

© Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;