L’intrinseca Dicotomia della Scultura Moderna: L’analisi di Canova e Thorvaldsen

Milano, una città dove l’arte sussurra tra le strade, mi ha offerto l’opportunità di immergermi nell’illuminante esposizione “Canova – Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna“. Questa mostra, allestita presso le Gallerie d’Italia, ha rappresentato una sinfonia visuale, risvegliando emozioni e incanalando riflessioni profonde.

L’attenta cura con cui le Gallerie d’Italia presentano opere d’arte di tale portata, solleva l’anima dell’osservatore. La mia esperienza, intensificata dal privilegio di poter documentare fotograficamente tali meraviglie, ha rappresentato una collisione tra passione artistica e la fugacità dell’esperienza umana.

Mentre ero avvolto da questa sovrabbondanza artistica, mi sono trovato in preda a quella che molti conoscono come la sindrome di Stendhal: una travolgente esaltazione che ti fa sentire completamente sommerso nell’arte.

Nell’analisi critica, mi sono trovato particolarmente affascinato da due rappresentazioni emblematiche di “Ebe”, realizzate dai maestri Canova e Thorvaldsen. Ciascuna di queste opere, pur condividendo lo stesso soggetto, ha trascinato lo spettatore in direzioni opposte attraverso le scelte stilistiche e concettuali dei due artisti.

Antonio Canova, con la sua inconfondibile maestria, presenta un’interpretazione di Ebe carica di energia e movimento. La sua Ebe sembra quasi come se fosse stata catturata in un momento di gioia effervescente, quasi danzante nel suo ruolo di coppiera degli dei. La scultura trasuda una leggerezza giovanile, quasi come se la figura stessa fosse in grado di levitare. Ogni linea e curva della sua opera esprime una forma di spontaneità, enfatizzando l’idea della giovinezza in un perpetuo stato di esplorazione e scoperta.

Dall’altro lato, abbiamo la rappresentazione di Bertel Thorvaldsen, che sembra riflettere un tono molto più meditativo e riflessivo. La sua Ebe, al contrario dell’interpretazione dinamica di Canova, sembra profondamente ancorata nel presente, completamente immersa nella solennità del suo ruolo divino. La postura è stabile, il volto sereno ma determinato, suggerendo un’interiorità piena di riflessione e rispetto per la sacralità del nettare che tiene in mano. Mentre Canova celebra la vivacità della giovinezza, Thorvaldsen sembra onorare la gravità e la maturità che possono emergere anche nei momenti più quieti della vita.

Queste due interpretazioni, sebbene focalizzate sullo stesso soggetto, offrono uno studio contrastante sulle diverse sfaccettature dell’esistenza umana e divina, rappresentate attraverso la figura mitologica di Ebe.

Nell’osservare le opere di Canova e Thorvaldsen, è evidente che entrambi gli artisti siano profondamente impegnati in un dialogo artistico che esplora le profondità della condizione umana e divina. Le loro rappresentazioni di Ebe, sebbene distinte nello stile e nell’approccio, convergono in un tema centrale: le dicotomie inerenti all’esistenza.

Canova, con la sua Ebe effervescente, sembra voler celebrare la spontaneità e la brevità della vita. La scelta di utilizzare recipienti d’oro per rappresentare il nettare degli dei è significativa. L’oro, con il suo splendore brillante e accattivante, può essere visto come simbolo dell’effimero, del fascino superficiale e dell’attrazione. È il materiale che cattura immediatamente l’occhio, rappresentando la bellezza esteriore, quella che può sbiadire o cambiare. Così, l’Ebe di Canova sembra danzare tra le luci e le ombre della vita, celebrando il momento presente nella sua fugace bellezza.

D’altro canto, Thorvaldsen prende una direzione completamente diversa. La sua Ebe è radicata, ponderata, quasi come una meditazione silenziosa sull’eternità. Gli utensili monolitici, scolpiti nello stesso marmo di Carrara della statua, rappresentano qualcosa di più duraturo e profondo. Non c’è distinzione tra la figura e gli oggetti che tiene; tutto è unito, simbolo di un’essenza che va oltre la superficie. Questi utensili monolitici non brillano come l’oro, ma possiedono una gravità e una permanenza che parlano di trascendenza, di un’essenza che esiste al di là dell’apparenza esteriore.

In effetti, questi due artisti, attraverso la loro interpretazione di Ebe, ci offrono una riflessione sulla dualità dell’esperienza umana. Da una parte, c’è la vivacità effimera della giovinezza e della bellezza, rappresentata dall’oro e dalla danza. Dall’altra, c’è la riflessione, la trascendenza e l’eternità, simboleggiate dal marmo monolitico e dalla postura meditativa. Questo dualismo, presente in molte forme d’arte attraverso i secoli, trova una risonanza particolare nelle scelte scultoree di questi maestri, guidando lo spettatore in una profonda riflessione sulla natura stessa dell’esistenza.

In conclusione, la mostra ha offerto non solo una visione delle maestrie scultoree di Canova e Thorvaldsen, ma ha anche sollecitato una profonda riflessione sulla natura stessa dell’arte e sulla sua capacità di captare l’essenza dell’esperienza umana.

Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;