Occhiali Abbandonati: l’Intervento Silenzioso che Riscrive l’Arte

La bellezza dell’arte risiede nella sua infinita varietà di forme e concezioni, nella sua capacità di suscitare emozioni e riflessioni, e nella sua illimitata malleabilità. Di tanto in tanto, emerge un fenomeno che spinge ulteriormente i confini dell’arte, sfidando le convenzioni esistenti e ampliando il nostro concetto di ciò che l’arte può essere. Recentemente, uno di questi fenomeni si è manifestato in un museo di arte contemporanea, quando un visitatore ha lasciato un paio di occhiali per terra, trasformando, volontariamente o meno, un oggetto ordinario in un’opera d’arte percepita.

A prima vista, questo episodio potrebbe sembrare un semplice scherzo o un malinteso fortuito. Tuttavia, un esame più attento rivela implicazioni più profonde. Questo evento sfida la nostra comprensione della natura dell’arte, svelando la sua relazione con il contesto, l’interpretazione e la percezione.

L’azione del visitatore ha trasformato un oggetto d’arte, non attraverso l’abilità artigianale o la genialità creativa, ma semplicemente posizionando un oggetto comune in un contesto inaspettato. Gli occhiali, un oggetto quotidiano e funzionale, sono diventati un simbolo di mistero, un punto di focalizzazione che attrae l’attenzione e suscita interrogativi.

L’interpretazione del pubblico ha elevato un atto innocuo al rango di arte. Gli occhiali sono stati osservati, fotografati, discussi, proprio come qualsiasi altra opera d’arte nel museo. Il loro contesto li ha resi speciali, donandogli un significato e un’importanza. In questo senso, il pubblico non è semplicemente “caduto in trappola”, ma ha attivamente partecipato alla creazione dell’arte.

Questo episodio mette in evidenza il potere del contesto e della percezione nella definizione dell’arte. Un museo, come istituzione, porta con sé un peso culturale e simbolico. È considerato un luogo in cui gli oggetti di valore e importanza sono esposti per l’educazione, l’ispirazione e l’apprezzamento del pubblico. Questa aspettativa e rispetto che nutriamo per i musei conferiscono loro un’autorità implicita.

Quando entriamo in un museo, lo facciamo con l’aspettativa di trovare l’arte. Abbiamo già accettato l’idea che tutto ciò che vediamo lì dentro ha un valore artistico o culturale, grazie al contesto e alla reputazione dell’istituzione. In altre parole, il museo, come spazio fisico e culturale, ha il potere di “elevare” oggetti, trasformando il comune in straordinario, il quotidiano in artistico.

Quindi, quando gli occhiali sono stati lasciati a terra nel museo, l’aspettativa dei visitatori di vedere l’arte ha trasformato un oggetto di uso quotidiano in un’opera d’arte. Il contesto del museo ha conferito agli occhiali un’aura di importanza e significato, e i visitatori, condizionati dall’ambiente del museo, hanno interpretato questo oggetto ordinario come un’opera d’arte, osservandola, fotografandola e riflettendoci sopra.

Questo fenomeno evidenzia il potere delle istituzioni culturali nel plasmare la nostra percezione dell’arte e il ruolo che le nostre aspettative e presupposti giocano nella definizione di ciò che consideriamo arte.
Gli “Occhiali Abbandonati” possono essere visti come un esempio di arte relazionale, un termine coniato dall’artista e teorico francese Nicolas Bourriaud, che descrive l’arte che si basa sulle interazioni e le relazioni umane. In questo caso, l’arte nasce dall’interazione tra l’oggetto, il visitatore originale, gli altri visitatori del museo, e il contesto del museo stesso.

In conclusione, l’incidente degli “Occhiali Abbandonati” può sembrare banale, ma apre un vasto campo di riflessione sul significato dell’arte e sul suo ruolo nella società. Questa interazione silenziosa ci ricorda che l’arte non è solo ciò che è esposto in un museo o creato da un artista riconosciuto, ma può emergere in modi inaspettati, ribaltando le nostre aspettative e sfidando i nostri preconcetti.

© Marco Mattiuzzi

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;