Lupanari dell’Antica Roma: Una Ricerca Socio-Culturale

La comprensione della vita sociale e quotidiana nell’Antica Roma richiede un’analisi approfondita di molteplici aspetti della società, tra cui l’aspetto della sessualità e la figura dei lupanari. Questi istituti, luoghi dedicati alla prostituzione, erano ben presenti e diffusi nell’Impero Romano, testimoniando una realtà tanto complessa quanto intrigante.

Il lupanare romano, o lupanar, era un luogo destinato all’esercizio della prostituzione. Questa pratica era legale, tassata e regolamentata da norme precise. Gli schiavi e le schiave erano spesso obbligati alla prostituzione, una pratica che può apparire scandalosa al giorno d’oggi, ma che nell’antica Roma era considerata normale e accettabile.

Nell’antica Roma, la sessualità era percepita in modo molto diverso da come viene vista oggi. Non vi erano le stesse nozioni di perversione o di devianza sessuale che troviamo nelle società moderne. Gli schiavi, indipendentemente dal sesso, potevano essere utilizzati per fini sessuali dai loro padroni. L’età non era un fattore discriminatorio, e non esistevano le moderne normative che proteggono i minori. Questo fa riflettere sulla relativa natura dei tabù sessuali, che variano considerevolmente a seconda del contesto storico e culturale.

I lupanari erano spesso segnalati da simboli fallici scolpiti sulle pietre o dipinti sulle pareti. Questi luoghi erano frequentati da un ampio spettro della popolazione romana. I clienti potevano essere cittadini di basso rango, schiavi liberati o anche membri dell’élite sociale.

Le riflessioni filosofiche del tempo sulla prostituzione e sul sesso sono particolarmente interessanti. Molti filosofi, come Seneca, erano critici verso l’indulgenza sessuale eccessiva e la perdita di autocontrollo. Tuttavia, era generalmente accettato che uomini e donne avessero bisogno di soddisfare i loro bisogni sessuali, e la prostituzione era vista come un modo per farlo senza disturbare l’ordine della famiglia romana.

Gli scritti di Plinio il Vecchio, ad esempio, rivelano una certa tolleranza verso la prostituzione. Secondo Plinio, l’importante era mantenere la moderazione, anche in queste questioni. Ovidio, in un contesto più leggero, offre consigli su come corteggiare una prostituta nel suo “Ars Amatoria”.

In conclusione, l’analisi dei lupanari e della prostituzione nell’Antica Roma offre un punto di vista illuminante sulla società dell’epoca. Le norme e le aspettative culturali riguardo alla sessualità erano notevolmente diverse dalle nostre, una circostanza che ci invita a esaminare con attenzione le nostre convinzioni e preconcetti sulla sessualità, il sesso e i diritti umani.

By Marco Mattiuzzi

Artista poliedrico, ex docente e divulgatore, ha dedicato anni all'arte e alla comunicazione. Ha insegnato chitarra classica, esposto foto e scritto su riviste. Nel settore librario, ha promosso fotografia e arte tramite la HF Distribuzione, azienda specializzata nella vendita per corrispondenza. Attualmente è titolare della CYBERSPAZIO WEB & STREAMING HOSTING. Nel 2018 ha creato il gruppo Facebook "Pillole d'Arte" con oltre 65.000 iscritti e gestisce CYBERSPAZIO WEB RADIO dedicata alla musica classica. Collabora con diverse organizzazioni culturali a Vercelli, tra cui Amici dei Musei e Artes Liberales.
Per ulteriori info clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Related Posts

error: Content is protected !!
;